Il PTSM

Il PTSM è il nuovo processo Pirelli per la preparazione delle mescole, risultato della combinazione delle tecnologie di mixing tradizionali con la tecnologia in continuo CCM; è caratterizzato da elevati livelli di qualità, affidabilità ed efficienza ed è stato sviluppato specificamente per la produzione delle mescole dei nuovi pneumatici Pirelli. La tecnologia permette di ottenere significativi vantaggi nell’uniformità dei composti, minore dispersione di ingredienti e una riduzione dei consumi energetici pari al 30% rispetto alle tecniche tradizionali.

Grazie al processo PTSM è stata ottimizzata la reazione di silanizzazione delle mescole a base silice e ciò consente di ottenere una significativa riduzione della resistenza al rotolamento del pneumatico in fase di utilizzo, che si traduce quindi direttamente in risparmio di carburante e minori emissioni di CO2.

La tecnologia PTSM ottimizza l’efficienza produttiva, garantendo incrementi di produttività di almeno il 300% rispetto alla precedente tecnologia in continuo CCM.

Nella realizzazione del progetto PTSM è stata prestata particolare attenzione alla definizione dei layout, contenendo significativamente le dimensioni finali degli impianti, in modo da ridurne l’impatto industriale.

Come precedentemente illustrato (descrivendo le attività in open innovation), nel contesto dell’accordo quadro per la realizzazione del Polo tecnologico e produttivo di Settimo Torinese per la produzione di pneumatici Green Performance e quindi a minore impatto ambientale, Pirelli Tyre e il Politecnico di Torino hanno proseguito nel 2011 i progetti comuni di ricerca e innovazione tecnologica, attivati nel 2008, dedicati all’ulteriore innovazione dei processi PTSM e Next MIRS e al pneumatico “intelligente” Cyber Tyre, descritto in precedenza nel presente rapporto.