Quando lo sport è solidale

C’è un legame preferenziale tra solidarietà e sport, un circolo virtuoso in cui l’impegno nelle attività sportiva diventa sinonimo di impegno nella diffusione di una socialità solidale ed etica soprattutto tra i giovani. Due calciatori dell’Inter, gli argentini Esteban Cambiasso e Javier Zanetti, hanno dato vita da qualche anno al progetto “Leoni di Potrero – Calcio per tutti”, un centro di formazione gratuito, sostenuto da Pirelli e con sede a Milano, rivolto a ragazzi tra i 5 e i 12 anni. Obiettivo è partecipare alla crescita dei giovani allievi proponendo valori positivi quali l’amicizia, la lealtà, la costanza, il rispetto, la tolleranza: un modo per insegnare il concetto di integrazione a bambini di classi sociali diverse, lavorando alla prevenzione di situazioni negative come l’isolamento e la solitudine.

Ma Pirelli sponsorizza anche il baseball in Venezuela con la Pirelli Baseball School, scuola con oltre 300 iscritti fra bambini e adolescenti, basket, pallavolo, calcio e ciclismo in Brasile, danza, golf ed equitazione in Germania, e basket in Turchia per nominare alcuni.

Cento ragazzi della comunità nera di Città del Capo svilupperanno il loro talento per lo sport della vela grazie al contributo di Pirelli Sudafrica.

È partita infatti la sponsorizzazione della Izivungu Sailing School di Simon’s Town, la prima scuola di vela del Sudafrica creata per offrire ai ragazzi disagiati un’opportunità di crescita personale e professionale attraverso l’educazione ai valori e alle tecniche dello sport della vela. Nata nel 2001, la scuola è sostenuta dalla Marina Militare Sudafricana.

I ragazzi ‘sponsorizzati’ da Pirelli si eserciteranno in due ‘basi nautiche’ secondo programma diversi. La maggior parte si allenerà nella scuola base di Simon’s Town, presso la base militare, mentre per dieci di loro è previsto l’ingresso alla scuola di Città del Capo, riservata a chi possiede già qualche competenza.

Pirelli, com’è ormai consuetudine nella sua strategia di radicamento nel territorio, ha puntato sullo sport del calcio anche a New York, dove ha contribuito al progetto calcistico del Citizens Committee for New York City.

Dal 2008 FC Internazionale Milano, Pirelli e Comunità Nuova gestiscono il progetto sociale “Inter Campus” a Slatina, Romania. Le attività sportive-recreative sono organizzate per l’intero anno, con una partecipazione di oltre 80 bambini provenienti da diversi ambienti sociali che attraverso il calcio imparano i valori del lavoro in squadra, l’integrazione nella società e l’importanza dell’amicizia.

Ogni anno a luglio quando finisce un anno di attività sportiva per i bambini del Campus come per quelli della città di Slatina, viene organizzato un torneo di calcio. In agosto i bambini di Inter Campus Slatina hanno potuto giocare a calcio con il Primo ministro Emil Boc, in visita straordinaria alla fabbrica Pirelli.

Nel 2012 Pirelli e F.C. Internazionale Milano intendono replicare l’esperienza con l’Inter Campus anche a Silao, Messico, vicino alla nuova fabbrica Pirelli.