Relazioni con le istituzioni e le amministrazioni pubbliche

Il Gruppo Pirelli mantiene con le pubbliche autorità locali, nazionali e sovranazionali relazioni ispirate alla piena e fattiva collaborazione, trasparenza, rispetto delle reciproche autonomie, degli obiettivi economici e dei valori contenuti nel Codice.

Il Gruppo Pirelli intende contribuire al benessere economico e alla crescita delle comunità nelle quali si trova a operare attraverso l’erogazione di servizi efficienti e tecnologicamente avanzati. Il Gruppo Pirelli considera con favore e, se del caso, fornisce sostegno a iniziative sociali, culturali e educative orientate alla promozione della persona e al miglioramento delle sue condizioni di vita.

Il Gruppo Pirelli non eroga contributi, vantaggi o altre utilità ai partiti politici e alle organizzazioni sindacali dei lavoratori, né a loro rappresentanti o candidati, fermo il rispetto della normativa eventualmente applicabile”.
(Codice Etico – “Comunità esterna”)

In tutti i paesi in cui Pirelli è presente, l’obiettivo delle relazioni istituzionali è innanzitutto rivolto alla creazione di rapporti stabili e duraturi con le istituzioni. Ciò allo scopo di poter rappresentare legittimamente gli interessi del Gruppo anche attraverso la partecipazione alle varie fasi del processo decisionale pubblico.

Tutte le attività sono improntate a criteri di massima trasparenza, legittimazione e responsabilità rispetto alle informazioni diffuse e le azioni operate dal Gruppo in ambito istituzionale.

Nello sviluppo delle relazioni istituzionali Pirelli procede innanzitutto con un attenta fase di analisi del contesto legislativo e regolamentare di riferimento, al fine di verificare possibili implicazioni d'interesse. Per garantire la più adeguata comprensione delle attività svolte e degli interessi rappresentati, gli interlocutori istituzionali vengono coinvolti attraverso la diffusione costante di informazioni concernenti l’identità industriale di Pirelli, le sue principali attività di business, lo sviluppo di nuove tecnologie di processo e di prodotto, gli elementi di sostenibilità economica, ambientale e sociale.

A tal fine sono inoltre promossi e realizzati numerosi progetti e iniziative, in collaborazione con le istituzioni, per sostenere tematiche di interesse pubblico legate in particolar modo alla sicurezza stradale e altre tematiche di sostenibilità sociale e ambientale.

L’ampia diffusione geografica degli interessi industriali ed economici del Gruppo Pirelli richiede un’estesa articolazione delle relazioni istituzionali che interessano la dimensione nazionale, comunitaria e internazionale.

In Italia il Gruppo interagisce in un sistema di relazioni in cui sono coinvolti i principali organismi istituzionali sia a livello nazionale che regionale. In ambito parlamentare si procede all’analisi della produzione legislativa d’interesse, in particolare rivolta all'iniziative delle Commissioni permanenti di Camera e Senato, intervenendo talora a supporto dell’attività parlamentare attraverso informazioni e analisi specialistiche relative alle attività del Gruppo. In ambito governativo, Pirelli mantiene relazioni costanti con le strutture della Presidenza del Consiglio e dei principali Ministeri di riferimento e degli enti ad essi correlati. A livello regionale una particolare attenzione è posta alle relazioni con gli organismi delle Regioni Piemonte e Lombardia, dove Pirelli possiede importanti insediamenti produttivi.

I temi maggiormente approfonditi durante gli incontri con i soggetti istituzionali hanno riguardato, fra l’altro, progetti di sviluppo industriale, iniziative e procedure idonee ad elevare livelli della sicurezza stradale, in relazione all’utilizzo degli pneumatici, temi occupazionali, e varie opportunità di finanziamento per progetti di investimento, ricerca scientifica e tecnologica.

Il 19 marzo 2011, il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, e la moglie, signora Clio, accompagnati dal presidente di Pirelli Marco Tronchetti Provera, hanno visitato il nuovo polo tecnologico industriale Pirelli a Settimo Torinese, dove Pirelli è presente da oltre 60 anni. Alla visita hanno preso parte il presidente della Regione Piemonte, Roberto Cota, il presidente della Provincia di Torino, Antonio Saitta, il sindaco di Settimo Torinese, Aldo Corgiat Loia, il prefetto di Torino, Alberto Di Pace.

Il 19 maggio 2011 il presidente del Gruppo, Marco Tronchetti Provera, è intervenuto presso la V Commissione “Bilancio Tesoro e Programmazione” della Camera dei Deputati nell’ambito dell’indagine conoscitiva “sull’efficacia della spesa e delle politiche di sostegno alle aree sottoutilizzate”, illustrando la storia della realizzazione del Polo di Settimo e descrivendone le caratteristiche.

Il 6 ottobre 2011 presso la Camera dei Deputati, è stato siglato un protocollo d’intesa tra Pirelli, ministero dell’Interno e ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca per lo sviluppo di attività congiunte finalizzate alla riduzione degli incidenti stradali. Durante la cerimonia alla Camera dei Deputati, è stato presentato un video educativo sulla sicurezza stradale realizzato in collaborazione con la Polizia di Stato e rivolto agli studenti delle scuole medie superiori.

Di grande rilevanza sono considerati inoltre i rapporti con le istituzioni europee: la Commissione, il Consiglio e il Parlamento. Anche in quest’ambito le attività sono improntate a criteri di massima trasparenza e correttezza, al fine di contribuire, con la diffusione di informazioni e analisi specialistiche, alla formazione di scelte legislative adeguate e consapevoli. Il Gruppo Pirelli è iscritto nel Registro Europeo per la Trasparenza, istituito e gestito dal Parlamento europeo e dalla Commissione europea, nell’intento di migliorare ulteriormente i livelli di trasparenza del processo decisionale dell'UE.

La ultracentenaria presenza di Pirelli nelle varie regioni del mondo, comporta la gestione di costanti relazioni istituzionali che si esprimono in tutti gli Stati dove sono presenti interessi industriali. Al fine di favorire un diffuso coinvolgimento istituzionale relativo ai processi di sviluppo, Pirelli promuove incontri, progetti e iniziative pubbliche con i principali interlocutori istituzionali.

Nel mese di aprile, a Città del Messico, il presidente del Gruppo Marco Tronchetti Provera, accompagnato dal COO Francesco Gori, ha presentato al presidente degli Stati Uniti Messicani, Felipe Calderon, il nuovo progetto del sito di produzione di pneumatici di alta gamma rivolto al mercato Nafta. Successivamente il governatore dello Stato di Guanajuato ha presenziato alla cerimonia di posa della prima pietra per la costruzione del nuovo impianto a Silao.

Il 30 agosto scorso, in Romania, il primo ministro Emil Boc ha inaugurato l’ampliamento della fabbrica di pneumatici Pirelli di Slatina insieme al presidente del Gruppo Marco Tronchetti Provera. Alla cerimonia hanno partecipato l’ambasciatore d’Italia a Bucarest, Mario Cospito, il segretario di stato delle Finanze della Romania, Bogdan Dragoi, il segretario di stato all’Economia, Karoly Borbely, il Prefetto della regione dell’Olt, Leonid Moisiu e il sindaco di Slatina, Darius Valcov. Il giorno successivo, Marco Tronchetti Provera ha illustrato le attività e gli sviluppi della presenza industriale di Pirelli in Romania al presidente Traian Basescu.

Lo scorso novembre durante un incontro avuto a Buenos Aires presso la Residencia Presidencial de Olivos, il presidente dell‘Argentina, Cristina Fernández de Kirchner, il ministro dell’Industria Débora Giorgi e il presidente di Pirelli Marco Tronchetti Provera hanno annunciato il progetto di nuovo stabilimento di pneumatici radiali truck. Il nuovo sito mira a rafforzare la leadership già detenuta da Pirelli in Sudamerica e si inserisce nella strategia che negli ultimi anni ha visto progressivamente aumentare la presenza industriale diretta nei mercati che, come l’Argentina, presentano maggiori tassi di sviluppo oltre che costi industriali competitivi.